Il libro "La vita di persone straordinarie - Haydar Aliyev" è stato pubblicato in Spagna

Il libro "La vita di persone straordinarie - Haydar Aliyev" è stato pubblicato in Spagna

In occasione del 100° anniversario del fondatore dell'Azerbaigian moderno, la figura politica di fama mondiale Haydar Aliyev, la casa editrice di Madrid con una ricca tradizione ha pubblicato il libro "La vita di persone straordinarie - Haydar Aliyev" tradotto in spagnolo dal Centro Statale di Traduzione.

Gli autori della traduzione del libro in spagnolo, che si compone di 13 capitoli, come "Sono nato a Nakhchivan...", "Questo è anche il fronte", "Haydar e Zarifa", "Ho scelto questa professione da quando ero adolescente", "Capo della Repubblica", "L'intera Unione ha bisogno di te ", "Sono un essere umano, non sono fatto di pietra o pelle", "Il diritto di stare insieme con la gente", "Novantatreesimo", " Il petrolio azero nella politica mondiale", "Il sole sorge dal mare", "L'anno del presidente", "Agli occhi del mondo" – sono il noto linguista-scienziato salvadoregno, il professor Cesar Edgardo Martínez Flores e la specialista della lingua spagnola Narmin Huseynli.


Agli occhi del mondo


Il 10 aprile 2000, Haydar Aliyev ha ricevuto il relatore dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (APCE) sull'Azerbaigian, un membro del parlamento francese, Jacques Baumel. Il signor Bomel ha paragonato Aliyev all'ex presidente francese, il generale de Gaulle: "Come nella sua posizione, conduci una politica che sta lontano da tutti i gruppi. Ecco perché il riavvicinamento delle relazioni tra l'Azerbaigian e l'Europa è di particolare importanza. In effetti, l'Europa Le sostiene in tutti i settori. Questo aiuta l'Azerbaigian a mantenere la sua indipendenza".

L'oratore francese si è complimentato con il suo interlocutore per il suo aspetto allegro e la sua salute. Anche Haydar Aliyev non è rimasto "in debito": "Signor Bomel, ti guardo, hai un bell'aspetto, hai un'ottima memoria. Ne sono stato convinto ancora una volta quando ho visto come ieri sera ha guardava con interesse i nostri balli nazionali”. Poi ha continuato seriamente: "Parla sempre della politica del generale Charles de Gaulle. E ora ha toccato questo argomento. Certo, Charles de Gaulle è una delle personalità più note al mondo e ciò che ha fatto durante e dopo la seconda guerra mondiale non perderà il suo valore essendo ricordato per secoli. Per me, il generale de Gaulle è insieme un ideale e un esempio. La base della mia politica oggi è la difesa dell'indipendenza dell'Azerbaigian".

Aggiungiamo che questa politica è riuscita a diventare una realtà. Aliyev ha trovato un equilibrio tra gli interessi del suo paese e quelli delle grandi potenze.

Come appariva Haydar Aliyev agli occhi di personaggi pubblici e politici di altri paesi? Esaminiamo insieme i materiali giornalistici ed i ricordi scritti su di lui, e scopriamo l'atteggiamento dei nostri interlocutori su questo tema.

Il presidente turco Suleyman Demiral, con splendore orientale, ha definito Aliyev "mio fratello, che, trasformando il suo petto in uno scudo, mostra valore per guidare l'Azerbaigian indipendente alla meta in modo persistente e democratico".

Rivolgendosi a Haydar Aliyev, il direttore generale dell'UNESCO Federico Major ha detto: "Lei è un leader eccezionale riconosciuto in tutto il mondo".

È davvero cosi. Ci sono molte confessioni, sia sincere che deliberate. L'ex comandante della diplomazia americana la signora Albright non ha dimenticato se stesso mentre si complimentava con Aliyev. Durante il suo mandato come Segretario di Stato americano, ha detto: "Non ho mai visto un secondo presidente salutato con una cerimonia del genere". In altre parole, guarda come il Dipartimento di Stato ha fatto molti sforzi.

Henry Kissinger, un collega della signora Albright, ha confezionato un intero programma nel suo messaggio: “Le attività del presidente Haydar Aliyev, che si è prefissato l'obiettivo di sviluppare legami con gli Stati Uniti e i paesi occidentali, hanno compiuto sforzi vigorosi per stabilire un'economia di mercato e democrazia, sono degne di approvazione. Haydar Aliyev sta lottando con zelo e determinazione per la conservazione dell'indipendenza".

Tra le tante altre caratteristiche, spicca l'immagine tracciata dal presidente francese Jacques Chirac: “Questa straordinaria personalità ha condotto l'Azerbaigian sulla via della prosperità. Apprezzo molto il suo coraggio, saggezza e risolutezza mostrati durante i nostri incontri, in particolare durante le discussioni sul conflitto del Nagorno-Karabakh, nel risolvere questo conflitto pacificamente. L'Azerbaigian è fortunato ad essere governato da Haydar Aliyev, un funzionario governativo saggio, perspicace e rispettoso, che ha una grande volontà politica e una vasta esperienza politica".

È una valutazione molto accurata e completa. Una significativa esperienza di leadership non riguarda solo gli anni post-sovietici, ma anche gli anni sovietici in cui Aliyev si formò come statista. Il presidente russo Vladimir Putin ha prestato attenzione a questa qualità quando ha affermato che Aliyev è conosciuto nella Federazione Russa come una figura pubblica molto importante non solo dell'Azerbaigian, ma dell'intera Unione Sovietica.

Gerhard Schroeder, cancelliere federale della RFG, e Junichiro Koizumi, primo ministro del Giappone, in primo luogo, hanno sottolineato i meriti storici di Aliyev nel raggiungere l'indipendenza del paese, ovviamente, indipendentemente l'uno dall'altro.

Secondo George W. Bush, presidente degli Stati Uniti, “Per molto tempo Haydar Aliyev è stato la figura principale nel Caucaso meridionale. I suoi sforzi personali sono stati fondamentali per creare legami di amicizia, di cui godono oggi gli Stati Uniti d'America e l'Azerbaigian, e per preservare l'indipendenza dell'Azerbaigian".

Il presidente della delegazione ucraina presso l'Unione europea, l'eminente poeta ucraino Boris Oleynik, ha definito Haydar Aliyev un vero salvatore: "In un momento in cui l'indipendenza dell'Azerbaigian era in pericolo, il fedele figlio del popolo Haydar Aliyev è riuscito a prendere il timone. Grazie alla sua volontà, intelligenza e coraggio, ha salvato l'Azerbaigian da una situazione difficile"...

 

Altri articoli

  • Il libro del famoso Sereteli è per la prima volta in lingua azerbaigiana Il libro del famoso Sereteli è per la prima volta in lingua azerbaigiana

     

    L'agenzia di traduzione ADTM nell'ambito del progetto di sovvenzione della Casa degli Scrittori della Georgia, ha pubblicato un libro di poesie intitolato “Le mie canzoni” in cui sono raccolti esempi poetici selezionati del poeta Akaki Sereteli, un classico della poesia georgiana.

     

     

  • Il racconto di Saday Budagli sulla rivista letteraria israeliana Il racconto di Saday Budagli sulla rivista letteraria israeliana

    Il racconto “Giorni sereni” tradotto in russo del noto scrittore azerbaigiano Saday Budagli è stato pubblicato sulla rivista letteraria israeliana “Articolo” nell'ambito del progetto “Letteratura Azerbaigiana nel mondo internazionale” del Centro Statale di Traduzione